Grande Fatti dello squalo bianco

Con oltre 500 specie, ogni squalo è un maestro nella propria nicchia. Gli squali esistono da oltre 400 milioni di anni mantenendo l'equilibrio negli oceani del mondo. 400 milioni di anni, pensa a quel periodo di tempo……..

Gli squali esistevano già da tempo e sono sopravvissuti da tempo a dinosauri, varie estinzioni di massa ed ere glaciali globali. L'ironia, tuttavia, è che in soli 30 anni, un nano secondo rispetto a 400 milioni di anni, noi umani moderni abbiamo spinto molte specie sull'orlo dell'estinzione.

Durante Apex Shark Expeditions, 25 anni di lavoro con i Grandi squali bianchi a False Bay, abbiamo conosciuto questi magnifici super predatori su basi più che biologiche o scientifiche. Siamo arrivati ​​a conoscere le loro personalità individuali e abbiamo visto come all'interno di una specie si ottengono specialisti.

Abbiamo appreso che specie più piccole di squali costituiscono la maggior parte delle prede dei Grandi Bianchi e che per meno della metà dell'anno si nutrono in qualsiasi misura di foche. Quando i grandi bianchi non sono intorno alle colonie di foche che si trovano durante i mesi primaverili, estivi e all'inizio dell'autunno, si trovano lungo la costa sopra la barriera corallina e le aree sabbiose dove è più probabile che trovino queste specie di squali più piccoli. Abbiamo appreso che alcuni individui tornano con altri della loro specie ogni anno e che chiaramente c'è tra loro un legame familiare o sociale di qualche tipo. I singoli squali hanno preferito le aree di caccia intorno all'isola e gli squali più grandi sembrano preferire cacciare un po' lontano dall'isola, evitando così la competizione, non sorprende che il tasso di successo di questi squali più grandi sia leggermente superiore a quello di quelli più piccoli che si avvicinano l'isola.

In poche parole abbiamo avuto modo di conoscere intimamente questi animali e allo stesso tempo di conoscere l'ambiente in cui sono predatori apicali. Ciò che abbiamo appreso è stato a dir poco sorprendente in termini di complessità delle relazioni e di come ogni specie sia vitale per un'altra.
Dall'essere inizialmente solo una società di immersioni e avvistamento di squali, siamo rapidamente diventati un'operazione orientata all'ecosistema in cui abbiamo cercato di mostrare ai nostri ospiti non solo gli squali ma tutte le altre specie che fanno parte del mondo degli squali. Mentre gli animali che fanno parte di questo ecosistema possono essere tra i più resistenti del pianeta, nel complesso gli ecosistemi in cui si trovano sono sorprendentemente fragili.

Quindi cosa rende gli squali così tanto successo e cosa possiamo fare per assicurarci che questi predatori di vitale importanza siano in giro in futuro?

Grandi fatti sullo squalo bianco che non sapevi

Il Great White ha affascinato gli umani per secoli. Immergiti subito in Apex mentre esploriamo alcuni dei più interessanti Fatti di Great White Sharks.

Il Grande squalo bianco (Carcharodon carcharias), noto anche come Grande squalo bianco, squalo bianco o “puntatore bianco”, è una specie del grande squalo sgombro che si trova generalmente nelle acque temperate di tutti i maggiori oceani. I Great White prendono il loro nome perché sono di grandi dimensioni e hanno una pancia e una parte inferiore bianche pulite. La parte superiore del corpo è grigio ardesia per mimetizzarsi con il fondo del mare. È un nome degno per un predatore maestoso e davvero fantastico. I White Pointers erano così chiamati dai balenieri australiani poiché questi squali venivano spesso visti nutrirsi a pancia in su mentre si rimpinzavano del grasso di carcasse di balene. Il ventre bianco normalmente, raramente visto, era in questo caso così prominente che ha ispirato il nome "White Pointer". I Great White sono pesci aerodinamici a forma di siluro con potenti code ugualmente lobate che possono spingerli attraverso l'acqua a velocità fino a 25 miglia all'ora. Oltre a dare spinta, la chiglia caudale (coda) funge da stabilizzatore.

Il grande squalo bianco era una delle tante specie originariamente descritte da Linneo nella decima edizione del 1758 del suo Systema Naturae, il suo primo nome scientifico, Squalus carcharias. Più tardi, Sir Andrew Smith gli diede Carcharodon come nome generico nel 10 e anche nel 1833.

Trovato in acque temperate fresche e costiere in tutto il mondo, non ci sono dati affidabili sulla popolazione del Great White. Ma le stime suggeriscono che le popolazioni in Sudafrica, che fino a poco tempo fa si pensava fosse l'area di aggregazione più alta della specie, potrebbero essere meno di 500. Tuttavia, gli scienziati concordano sul fatto che il loro numero sta diminuendo precipitosamente a causa della pesca eccessiva delle loro prede primarie, cattura accidentale in reti da posta e altre attività di pesca, nonché i cambiamenti climatici tra gli altri fattori. Sono classificati come specie vulnerabile ai sensi della CITES. Secondo il Guardian (2010), un recente sondaggio completato nell'ambito del Census for Marine Life, ha rilevato che sono rimasti solo circa 3,500 esemplari di Great White, circa lo stesso numero di tigri che gli ambientalisti ritengono siano rimasti.

Il corpo del Great White Sharks è dotato di cinque fessure branchiali, senza spine delle pinne, una pinna anale e tre pinne principali. La pinna dorsale si trova sulla parte superiore della schiena e due pinne pettorali si trovano sui lati.

I grandi bianchi sono i più grandi pesci predatori sulla Terra. La grande femmina di squalo bianco è notevole per le sue dimensioni. Con individui che crescono fino a 6.1 m (20 piedi) di lunghezza e sono stati persino suggeriti di crescere fino a oltre 7 metri. Tuttavia, quest'ultimo sarebbe eccezionale.
Si dice che il peso di un grande squalo bianco raggiunga 1,905 –2,268 kg (4,200 –5,000 libbre) o più di peso alla maturità.
Gli individui crescono fino a 6.1 metri (20 piedi) di lunghezza e si è persino suggerito di superare i 7 metri.
Gli individui crescono fino a 6.1 m (20 piedi) di lunghezza ed è stato persino suggerito di superare i 7 metri. Dopo aver raggiunto la maturità, la crescita di uno squalo bianco rallenta, ma non si ferma.

Sebbene queste misurazioni non siano state confermate, si stima che alcuni grandi squali bianchi catturati in tempi moderni siano lunghi più di 7 m (23 piedi), ma queste affermazioni hanno ricevuto alcune critiche. Tuttavia, JE Randall credeva che il grande squalo bianco potesse aver superato i 6.1 m (20 piedi) di lunghezza. Un grande squalo bianco è stato catturato in Australia il 1 aprile 1987. Questo squalo è stato stimato essere lungo più di 6.9 m (23 piedi) da Peter Resiley ed è stato designato come KANGA. [Un altro grande squalo bianco è stato catturato a Malta da Alfredo Cutajar il 16 aprile 1987. Anche questo squalo è stato stimato lungo circa 7.13 m (23.4 piedi) da John Abela ed è stato designato come MALTA. Tuttavia, Cappo ha attirato critiche perché ha usato metodi di stima delle dimensioni dello squalo proposti da JE Randall per suggerire che l'esemplare KANGA era lungo 5.8–6.4 m (19–21 piedi). In modo simile, IK Fergusson ha utilizzato anche metodi di stima delle dimensioni degli squali proposti da JE Randall per suggerire che l'esemplare di MALTA era lungo 5.3–5.7 m (17–19 piedi). Tuttavia, prove fotografiche hanno suggerito che questi campioni erano più grandi delle stime delle dimensioni ottenute con i metodi di Randall. Così, un team di scienziati—HF Mollet, GM Cailliet, AP Klimley, DA Ebert, AD Testi e LJV Compagno: ha rivisto i casi degli esemplari KANGA e MALTA nel 1996 per risolvere la controversia conducendo un'analisi morfometrica completa dei resti di questi squali e riesaminando le prove fotografiche nel tentativo di convalidare le stime delle dimensioni originali e i loro risultati erano coerenti con loro. I risultati hanno indicato che le stime di P.Resiley e J.Abela sono ragionevoli e non possono essere escluse.]Una femmina di Great White particolarmente grande soprannominata "DeepBlue", stimata a 6.1 m (20 piedi) è stata filmata al largo di Guadalupe durante le riprese per il Episodio 2014 di Shark Week "Lo squalo colpisce ancora". Deep Blue ha anche ottenuto un'attenzione significativa in seguito quando è stata filmata mentre interagiva con il ricercatore Mauricio Hoyas Pallida in un video virale che Mauricio ha pubblicato su Facebook l'11 giugno 2015. Deep Blue è stata successivamente vista al largo di Oahu nel gennaio 2019 mentre cercava una carcassa di capodoglio, dopo di che è stata filmata mentre nuotava accanto a subacquei. Un grande squalo bianco particolarmente famigerato, presumibilmente di proporzioni record, una volta pattugliava l'area che comprende False Bay, in Sud Africa, si diceva fosse ben più di 7 m (23 piedi) durante i primi anni '1980. Questo squalo, conosciuto localmente come il "Sottomarino", aveva una reputazione leggendaria che si supponeva fosse ben fondata. Sebbene le voci abbiano affermato che questo squalo fosse di dimensioni esagerate o del tutto inesistente, i resoconti dei testimoni dell'allora giovane Craig Anthony Ferreira, un notevole esperto di squali in Sud Africa, e di suo padre indicano un animale insolitamente grande di dimensioni e potenza considerevoli (sebbene rimane incerto quanto fosse massiccio lo squalo mentre sfuggiva alla cattura ogni volta che veniva agganciato).

I grandi squali bianchi hanno file di denti. Le prime due file di denti vengono utilizzate per afferrare e tagliare la preda che mangiano. Poiché le grandi prede dei mammiferi possono essere piuttosto difficili da superare, molti denti possono rompersi mentre si mangia. Questi denti sono vitali per l'alimentazione e quando uno è rotto deve essere sostituito immediatamente. Questo è il motivo per cui un grande squalo bianco ha più file di denti poiché gli altri denti nelle ultime file sono in grado di sostituire i denti anteriori come e quando sono rotti, consumati o quando cadono.

I grandi squali bianchi hanno circa duecentocinquanta denti, disposti su cinque file. 

Sembra una domanda standard, ma se consideri quanto non sappiamo sui grandi squali bianchi, come il luogo in cui partoriscono, ti rendi conto che non ci sono risposte facili per quanto riguarda gli squali. Per dirti quanti denti ha uno squalo bianco nel corso della sua vita, dovremo fare un calcolo: tasso di perdita dei denti X durata media della vita dello squalo = quanti denti durante la vita. Potrebbero perdere fino a 20 in una vita. Ciò non significa che tutti perdano tale importo solo che alcuni potrebbero.

La maggior parte degli squali sono ovovivipari, compresi i grandi squali bianchi. 

Gli squali ovovivipari hanno uova che si sviluppano all'interno del corpo della madre. Le uova vengono fecondate internamente e gli squali in via di sviluppo vengono nutriti dai tuorli. I giovani si schiudono all'interno dell'ovidotto e continuano a ricevere nutrimento dal resto del tuorlo d'uovo, ancora attaccato al loro corpo, nonché dai fluidi secreti nell'ovidotto. Alcune specie di squalo sono cannibali e si nutrono di altre uova ed embrioni all'interno dell'ovidotto. Solo un piccolo numero di questi cuccioli sopravvive fino alla nascita. I giovani poi nascono vivi, e sono perfettamente funzionanti.

Si ritiene che i grandi squali bianchi, come gli squali dai denti sfilacciati, pratichino la cosiddetta oofagia nota anche come cannibalismo interuterino in cui gli embrioni in via di sviluppo più forti e feroci mangiano le uova non fecondate (potenziali fratelli) per nutrirsi.

Gli squali nascono con i denti. A differenza degli umani, i cuccioli di squalo entrano nel mondo con una dentatura completa. In questo modo è facile per loro nutrirsi e badare a se stessi, poiché non c'è cura dei genitori. Sono essenzialmente nati e fin dai primi istanti sono pronti a partire come perfetti piccoli predatori.

Un dente di piccolo squalo bianco è molto più stretto di un adulto ed è più adatto a nutrirsi di squali e pesci più piccoli e quando sono veramente giovani i loro denti sono in realtà a tre cuspidi, il che significa che su entrambi i lati della base di ogni dente ci sono due punte aguzze.

Quando nasce un cucciolo di grande squalo bianco, misurerà circa 5 piedi (da 1.3 a 1.5 metri) e peserà circa 77 libbre (35 chilogrammi). 

Secondo uno studio del 2014, la durata della vita dello squalo bianco è di 70 anni o più, ben al di sopra delle stime precedenti, il che lo rende uno dei pesci cartilaginei più longevi attualmente conosciuti.

I grandi squali bianchi vivono in quasi tutte le acque costiere e offshore che hanno una temperatura dell'acqua compresa tra 12 e 24 °C (54 e 75 °F), con concentrazioni maggiori negli Stati Uniti (Nord Est e California), Sud Africa, Giappone, Oceania, Cile e il Mediterraneo compreso il Mar di Marmara e il Bosforo. . In mare aperto, il Grande squalo bianco è stato registrato a 3,900 piedi. Questi risultati sfidano la nozione tradizionale che il Great White è una specie costiera.

Il gran bianco è un pesce epipelagico, osservato soprattutto in presenza di ricca selvaggina, come le foche da pelliccia (Arctocefalo ssp.), leoni marini, cetacei, altri squali e grandi specie di pesci ossei

Uno studio del 2007 ha utilizzato le scansioni TC del cranio di uno squalo e modelli al computer per misurare la forza massima del morso dello squalo. Lo studio rivela le forze e i comportamenti che il suo cranio è adatto a gestire e risolve teorie contrastanti sul suo comportamento alimentare. Nel 2008, un team di scienziati guidato da Stephen Wroe ha condotto un esperimento per determinare la potenza della mascella del Grande squalo bianco e i risultati hanno indicato che un esemplare di 3,324 kg (7,328 lb) potrebbe esercitare una forza di morso di 18,216 newton (4,095 lb).

I grandi squali bianchi non hanno occhi assassini neri e piccoli. In realtà hanno dei bellissimi occhi azzurri. L'iride di uno squalo bianco non è nera; è un blu molto scuro.

Globalmente le immersioni con i Grandi squali bianchi senza gabbia non sono commerciali: non ci sono tour operator sul pianeta che pubblicizzano questa attività a causa dei rischi che comporta. 

Non è chiaro quanto l'aumento simultaneo della pesca dei grandi squali bianchi abbia causato il declino delle popolazioni di squali bianchi dagli anni '1970 ad oggi. Non sono disponibili numeri accurati della popolazione globale, ma il grande squalo bianco è ora considerato vulnerabile. Gli squali hanno un lungo intervallo tra la nascita e la maturità sessuale, rendendo difficile il recupero e la crescita della popolazione.

Sfortunatamente, nessuno ha ancora misurato la velocità di nuoto di uno squalo bianco che va a gonfie vele. Un'analisi degli squali bianchi che attaccano una tavola da surf dotata di videocamera al largo delle Isole Farallon del sud, in California, ha fornito alcune indicazioni sulla velocità di attacco di questo animale. L'attuale consenso tra gli scienziati degli squali è che la velocità massima di nuoto del Great White è di almeno 25 miglia (40 chilometri) all'ora. I miei calcoli approssimativi, tipo il retro della busta - utilizzando diversi metodi - suggeriscono che lo squalo bianco può raggiungere velocità di raffica di 35 miglia (56 chilometri) all'ora o più. Potrebbe non sembrare molto veloce, ma è sette volte più veloce del miglior nuotatore olimpico e probabilmente almeno dieci volte più veloce di quanto tu o io potremmo gestire.

I grandi squali bianchi sono spesso considerati i predatori più temibili dell'oceano.

Ma anche questi squali affrontano minacce di cui sono ben consapevoli. Un nuovo studio ha scoperto che quando i grandi squali bianchi hanno incontrato orche o orche vicino ai loro terreni di caccia, sono fuggiti e sono rimasti lontani per un breve o medio termine (da 4 a 8 settimane e oltre). Le orche sono le uniche specie conosciute che cacciano i grandi squali bianchi.

I grandi squali bianchi aumentano la loro temperatura corporea utilizzando un sistema di scambio termico controcorrente, con arterie sovrapposte note collettivamente come rete Mirabelle. È un complesso di arterie e vene che giacciono molto vicine l'una all'altra. La rete Mirabelle utilizza il flusso sanguigno controcorrente all'interno della rete per fungere da scambiatore controcorrente. La rete Mirabelle è anche conosciuta come la rete miracolosa.

Delle circa cinquecento specie di squali presenti negli oceani del mondo, solo circa due dozzine sono conosciute come "ventilatori ariete obbligati". Ciò significa che hanno bisogno di forzare costantemente l'acqua attraverso le branchie per respirare, in genere nuotando ad alta velocità o trovando una corrente in rapido movimento in cui rimanere. Questi squali sono tra i predatori più veloci e formidabili del mare. Il grande squalo bianco e lo squalo Mako sono entrambi ventilatori ariete obbligati.

È interessante notare che gli squali non hanno un nome specifico per i diversi sessi, sebbene i cuccioli di squalo siano chiamati cuccioli. 

È tutto nell'anatomia esterna del grande squalo bianco. I grandi squali bianchi maschi hanno pinne pelviche modificate chiamate appendici che vengono utilizzate per l'accoppiamento. I ptenitori sono come un paio di pinne arrotolate sotto il corpo verso la parte posteriore. Le femmine non hanno questi ganci.

Inoltre, le femmine tendono ad essere più grandi dei maschi, anche se questa differenza potrebbe non essere sempre così evidente. Il motivo per cui le femmine sono più grandi dei maschi è perché devono avere la capacità di portare 2-10 cuccioli durante la gravidanza. Questi cuccioli possono essere grandi fino a 1.5 metri a termine. È un sacco di spazio che è necessario!

Tutti gli squali praticano la fecondazione interna. Gli squali maschi hanno organi riproduttivi accoppiati chiamati pterigopodi, e gli squali femmine hanno un'apertura chiamata cloaca. Spesso lo squalo maschio morde la femmina per mantenersi stabile durante l'accoppiamento. Questo può essere un processo difficile con entrambi gli squali che spesso finiscono con ferite.

Gli squali bianchi maschi hanno organi riproduttivi accoppiati chiamati pterigopodi, e gli squali femmine hanno un'apertura chiamata cloaca. La fecondazione avviene quando un pterigografo viene inserito nella cloaca e lo sperma viene iniettato nella femmina. Quando inizia l'accoppiamento, uno squalo maschio monta su uno squalo femmina, nuotando accanto o sotto.

Non c'è ancora stato un avvistamento dell'accoppiamento dei grandi squali bianchi.

L'operatore subacqueo in gabbia di squalo di prima scelta per:

colore-logo-nazionale-geo
scoperta-logo-colore
colore-logo-pianeta-animale
BBC-logo-colore